CERIGNOLA-ANDRIA 2-0. AGGUANTATA LA QUARTA PIAZZA. OFANTINI IN PARADISO. I VOTI

Cerignola in paradiso, Fidelis all’inferno. Quarto posto per gli ofantini, ultima piazza per gli andriesi colpiti subito a freddo. Cerignola subito dietro le corazzate della categoria: in pochi ci avrebbero scommesso per una matricola che ha fatto la sua comparsa in Serie C dopo ben 85 anni. Cerignola che vola in classifica. Gioia, orgoglio e stupore vanno a braccetto sulle sponde dell’Ofanto. Cerignola calcistica si gode il proprio piccolo miracolo. Dopo anni, categoria nella quale gioca per la sua storica prima volta, si sta regalando una stagione da capogiro. La formazione, la società ofantina sembra non aver patito il salto di categoria. E pensare che, in estate, qualcuno la dava già tra le pericolanti. Giù il cappello per i ragazzi del tecnico Michele Pazienza. Il suo Cerignola piace, per velocità, spunti individuali e ampiezze della manovra

AUDACE CERIGNOLA-FIDELIS ANDRIA 2-0

AUDACE CERIGNOLA (3-5-2): Saracco 6; Blondett 6, Capomaggio 6, Ligi 6; Coccia 7 (88′ Gioffrè sv), Tascone 7,5 (76′ Ruggiero 6), Langella 6, Sainz-Maza 6,5 (76′ Allegrini 6), D’Ausilio 7 (69′ Russo 6); Malcore 7,5 (88′ Bianco sv), D’Andrea 7. A disp. Fares, Trezza, Gonnelli, Olivera, Botta, Inguscio, Neglia All. Michele Pazienza 7

FIDELIS ANDRIA (4-2-3-1): Vandelli 6; Finizio 6, Delvino 6, Dalmazzi 6, Mariani 6; Candellori 6 (86′ Marino sv), Arrigoni 6; Pavone 6(21′ Djibril 6), Urso 7, Bolsius 6 (46′ Ventola 6), Ekuban 6. A disp. Zamarion, Savini, Graziano, Milillo, Zenelaj, Alba, Paolini, Mercurio, Orfei, Tulli All. Diaw Doudou 6

Arbitro: Matteo Centi di Terni 6

Reti: 4′ pt Malcore, 7′ pt Tascone,

Note: Terreno in erba sintetica. Spettatori 2500 circa di cui 500 ospiti. Ammoniti: Blondett e D’Andrea del Cerignola. Recuperi: 5′ pt e 5′ st