Giacomarro ha trasformato l’Alto Tavoliere: cinque punti nelle ultime tre partite

Cinque punti nelle ultime tre partite e il rammarico di quel rigore sbagliato domenica scorsa in casa della Sarnese (0-0 il finale) che poteva portare altri punti in cassaforte. Tutto questo nella settimana che precede la sfida sul terreno amico con la Frattese. La cura del tecnico Domenico Giacomarro, arivato quattro settimane fa, funziona eccome per questo Alto Tavoliere che si avvicina sempre di più alla zona che porta alla salvezza diretta. Oggi i giallogranata sono ancora ultimi, ma ci sono sei squadre decimanete alla portata tra cui la stessa frattese che ha cinque punti in più dei sanseveresi che con un successo, domenica prossima, potrebbero scavalcare un paio di squadre e avvicinarsi proprio ai campani.

sorac

san severo mister giacomarro 19Intanto il tecnico Giacomarro non lo dice, ma lui è rammaricato di quel rigore sbagliato dall’attaccante Formuso (26′ pt) in casa della Sarnese. “Può succedere – dice Giacomarro -, ora non pensiamoci più e guardiamo avanti fiduciosi che questo organico può fare tanto”. Ed in effetti l’Alto Tavoliere sta crescendo domenica dopo domenica: pareggi esterni in casa del Cerignola (2-2) e della Sarnese (0-0) con il successo sull’Aversa (2-0). Ora si ritorna in campo con la consapevolezza di potersela giocare con tutti. “Ripeto la classifica non la dobbiamo guardare – rimarca ancora Giacomarro, tecnico da un solo mede dell’Alto Tavoliere -, nè tantomeno fare calcoli. Giochiamo le partite e vinciamole, poi faremo i vari conteggi.” L’arrampicata potrebbe continuare a patto di vincere. Palumbo e soci, sfidando la sorte, le avversità, l’imponderabile ora ci credono più che mai: la permanenza in Serie D per questa squadra non potrebbe essere che una realtà se si continua ad avere questo passo. Il momento della “rinascita” continua sotto la sapiente guida di Giacomarro. Mostra una moderata soddisfazione, il tecnico Giacomarro. “Siamo contenti degli ultimi risultati – ammette -. Certo non dobbiamo affatto sentirci appagati e continuare a dare il massimo. Però va reso merito ai ragazzi di esser stati capaci di uscire da certe situazioni. La nostra ripresa proseguirà, sono fiducioso”.

sidercomm_small

san severo ianniceòllo e florio 7-11-17E c’è da fidarsi dopo quello che l’Alto Tavoliere fa vedere sul campo: in ogni gara sempre un buon possesso palla, a volte addirittura in modo netto, e tante occasioni da rete. La squadra in questo periodo è decisamente diversa e raccogli quanto semina durante la settimana sotto gli occhi di Giacomarro. Figlio di una politica oculata, portata avanti coi piedi di piombo, senza mai fare il passo più lungo della gamba. La società ha immesso in organico gente motivata che non sbaglia una partita.

Si gode il frutto della propria crescita, ora l’Alto Tavoliere. Issato sulle colonne del gruppo storico, la squadra regge l’urto del tempo che avanza grazie all’appoggio dei propri giovani, ormai pronti alla definitiva consacrazione in categoria. Per il salto di qualità, i tempi sono ancora maturi: l’identità della squadra è una certezza, le basi per impostare il futuro ci sono. Ad oggi un bilancio positivo nell’ultimo mese, quello proposto dal tecnico Domenico Giacomarro. “Siamo soddisfatti – rivela ancora -, i risulttai ottenuti sono il frutto dei nostri sacrifici settimanali, va bene così”. Obiettivo permanenza diretta in serie D, ora nessuno vuole nascondersi. “Un passo alla volta – dice il tecnico -, siamo comunque in linea con le nostre prospettive e non dobbiamo mollare la presa” confida ancora.

casale_small

SAN SEVERO DOMENICO GIACOMARRO 27-10-17E si ritorna in casa con la Frattese, squadra alla portata con le altre che arrancano. “Guardiamo in casa nostra senza pensare alle altre – rimarca il tecnico -, è un campionato affascinante, ma ora non possiamo più commettere errori e per forza di cose dobbiamo raccogliere il massimo. Attenzione la Frattese è una buona squadra con delle buone individualità, ma il nostro compito è quello di non guardare in faccia a nessuno e di pensare a noi stessi – conclude -, so che sono una bella squadra, ma noi abbiamo una strada da percorrere e non possiamo pensare ad altro. Sarà una bella gara, ma noi giochiamo solo per un risultato: la vittoria.”